ACQUISTO ARMI| I titoli che consentono di farlo

La normativa vigente in materia di armi prevede che chiunque voglia, a qualunque titolo, acquistare un’arma debba essere in possesso un “titolo” che gli consenta di farlo.

Il “titolo” principe è sicuramente la licenza di porto d’arma (nelle sue varianti che vedremo) ma non dobbiamo dimenticare che è esiste il Nulla Osta Acquisto Armi.

La licenza di porto d’arma lunga per il tiro a volo è, sicuramente, il titolo più facilmente ottenibile e meno oneroso in termini di esborso economico. Per ottenerlo leggi le informazioni nella pagina “tiro a volo”.

Questa licenza ha validità 5 anni ed oltre, ovviamente, a consentire l’attività sportiva, ti permetterebbe qualora ce ne fosse bisogno (es. cambio di residenza) di spostare le armi in autonomia senza ulteriori incombenze preventive. Resta fermo l’obbligo della denuncia di detenzione entro 72h dal momento del cambio di luogo di custodia della armi.

La licenza di porto d’arma lunga uso caccia, diversamente dal TAV prevede già a monte documenti aggiuntivi e ulteriori versamenti che meglio descrivo nella pagina dedicata alla “caccia”.

Ulteriore differenza non di poco conto sta nel fatto che la licenza di caccia non è un titolo idoneo all’acquisto se non si è in regola con i versamenti delle tasse per l’annualità di riferimento. Per quanto possa essere discutibile, oggi è così.

Abbiamo poi il Nulla Osta Acquisto Armi, questo particolare titolo va richiesto al Questore della provincia di residenza (non più nella provincia dell’acquisto) e consente, nell’arco di un mese, l’acquisto di una o più armi.

Erroneamente si può pensare che sia la soluzione più rapida nei casi in cui si ha necessità di risolvere l’acquisto in tempi ristretti, ad esempio in caso di eredità.

Il rilascio del N.O. , contemplato all’art.35 TULPS, prevede che siano espletate le medesime formalità occorrenti per la licenza di caccia o di tiro a volo. Unica differenza sta nel risparmio di ben 1,27€!

Risparmiare il solo costo del libretto però inciderà sulla possibilità di movimentare l’arma (nei casi legittimamente previsti) liberamente, infatti occorrerà chiedere un “avviso di trasporto armi”.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO PER QUESTO ARTICOLO:

è importante per me ricevere un tuo feedback
error