ARMI E MEZZI PUBBLICI| Le regole per viaggiare con armi al seguito

Spesso ci si chiede se è possibile viaggiare armati in treno o su altri mezzi pubblici. La risposta è sì, ma a determinate condizioni.

Pensando ai viaggi, il mezzo pubblico per eccellenza è indubbiamente il treno e, quindi, vediamo quali sono le condizioni per poter viaggiare serenamente con l’arma/i al seguito.

Il D.P.R. 753/80 nel suo art.33 ci impone, testualmente:

1. Fermo restando quanto stabilito dalle vigenti norme in materia di detenzione di armi nonché di tutela dell’ordine democratico e della sicurezza pubblica, è vietato portare con sé‚ sui treni e nei veicoli armi da fuoco cariche e non smontate. Le munizioni di dotazione devono essere tenute negli appositi contenitori accuratamente custodite.
2. Il divieto di cui al comma precedente non è applicabile agli agenti della forza pubblica nonché agli addetti alla sorveglianza in ambito ferroviario.

Se ne deduce, senza alcun dubbio, che è vietato il “porto” ma non il “trasporto”. Sono in vendita delle cassette con lucchetto per l’arma ed anche dei contenitori per le munizioni.

Resta bene inteso che il viaggiatore proprietario dell’arma deve garantire la sorveglianza della stessa a prescindere.

Per quanto riguarda i servizi di trasporto in gestione o concessione delle Ferrovie dello Stato il divieto permane entro le medesime condizioni.

Chi avesse necessità di viaggiare a bordo di aerei deve attenersi, invece, alla Legge 694/74 che già all’art.1 comma 1 enuncia:

Il passeggero in partenza dal territorio nazionale con aeromobile nazionale o straniero adibito al servizio
di pubblico trasporto, il quale porti con sé, sulla persona o nel bagaglio, armi o munizioni, ha l’obbligo di farne
denunzia prima dell’accettazione da parte del vettore e di consegnarle all’ufficio di polizia di frontiera
aeroportuale, o, in mancanza, all’ufficio di polizia dell’aeroporto, anche se munito di porto d’armi o di licenza
di esportazione

In buona sostanza già all’atto dell’emissione del biglietto si potrà far menzione della necessità di viaggiare con armi che andranno, inderogabilmente in stiva.

In autonomia o per il tramite del personale di servizio ai “check-in” si potrà far presente di essere in possesso di questo particolare bagaglio e verrà notiziato il personale della P.S. in forza allo scalo aereo.

Unica deroga possibile a discrezione del comandante dell’aeromobile è in favore di Ufficiali ed Agenti di P.S. nonché di personale militare in servizio. In questo caso il comandante si assicurerà personalmente che detto personale metta l’arma in condizioni di sicurezza (per l’aeromobile si intende).

Su navi e traghetti la situazione cambia poco. A dettar le linee guida ci pensa il Codice della navigazione all’art.194

(Imbarco di merci vietate e pericolose). Qualora siano state imbarcate cose di cui il trasporto è vietato da norme di polizia, il comandante della nave, a seconda dei casi, ne può disporre l’immediato sbarco e la loro messa in sicurezza, oppure può custodirle fino all’arrivo nel primo porto di approdo, se sussiste un’adeguata condizione di sicurezza per l’equipaggio e per la nave. Stessi provvedimenti devono essere presi nel caso in cui siano stati imbarcati oggetti il cui trasporto è consentito dalle norme di polizia, ma che comunque risultino nocivi o pericolosi per la nave, per le persone (o per il carico), o che lo diventino in corso di navigazione. Tali merci devono essere consegnate al comandante del porto o all’autorità consolare dal comandante della nave, una volta arrivato in porto.

ed anche il Regolamento di navigazione marittima dice la sua all’art.384:

I passeggeri all’imbarco devono consegnare le armi e le munizioni in loro possesso al comandante della nave, che provvede a custodirle fino al momento dello sbarco. Coloro che detengono armi e munizioni per servizio o per uffici particolari possono detenere le armi: il loro ritiro da parte delle autorità di bordo è ammesso solo per gravi ed accertate ragioni, che saranno indicate con apposita dichiarazione all’atto del ritiro stesso.

In definitiva, viaggiare armati non è quasi mai concesso ma per il trasporto non si avranno problemi di sorta.

è importante per me ricevere un tuo feedback
error