PORTO D’ARMI DIFESA PERSONALE| Le cose da sapere

Sul porto d’armi per difesa personale sono nati miti e leggende, leggiamone alcune.

Difesa Personale

Hai già letto la pagine dedicata alle formalità di questa licenza?

A chi va richiesto il porto d’armi difesa personale?

Partiamo dalle norme di riferimento e cioè dall’art.42 TULPS:

……….Il questore ha facoltà di dare licenza per porto d’armi lunghe da fuoco e il prefetto ha facoltà di concedere, in caso di dimostrato bisogno, licenza di portare rivoltelle o pistole di qualunque misura o bastoni animati la cui lama non abbia una lunghezza inferiore a centimetri 65. La licenza, la cui durata non sia diversamente stabilita dalla legge, ha validità annuale…….

dagli art. 61 e seguenti del relativo Regolamento d’attuazione che ne disciplina la forma indicando, tra l’altro, le modalità per la richiesta e la validità.

Quali sono le tipologie relative alla Difesa Personale?

  • PORTO DI PISTOLA PER DIFESA PERSONALE;
  • PORTO DI FUCILE PER DIFESA PERSONALE;
  • PORTO DI BASTONE ANIMATO.

Il porto di pistola per difesa personale è quello più comune e viene rilasciato dal Prefetto “in caso di dimostrato bisogno” .

Ma chi ne ha bisogno? Negli ultimi anni è sempre più difficile dare una risposta a questa domanda! Indubbiamente potranno chiederlo le Guardie Particolari Giurate in virtù della propria posizione lavorativa, potranno chiederlo le persone che hanno subìto minacce gravi, potranno chiederlo quelli che si trovano a maneggiare denaro contante per ingenti quantità.

La realtà dei fatti è che oggi, ottenere il porto di pistola per difesa personale non è affatto scontato. Che sia giusto o meno chi può dirlo?!

Il porto di fucile per difesa personale è di competenza del Questore e, al pari del porto di pistola per difesa personale, anche in questo caso vige la regola del “dimostrato bisogno”. Un esempio accademico di chi possa chiederlo, ed eventualmente ottenerlo, sono le GPG di servizio come scorta porta valori.

bastone animato
bastone animato

Il porto di bastone animato è di competenza del Prefetto, si tratta di un bastone in legno che nasconde al suo interno una lama. Avrebbe durata annuale……se ci fossero persone a richiederlo e Prefetti a rilasciarlo! Nel 2019 resta una cosa quantomeno improbabile.

con il porto d’armi per difesa personale entro ovunque!

Difficile dire quale sia il limite effettivo di questa affermazione ma è importante sapere che l’art.4 della Legge 110 del 1975 statuisce che:

……è vietato portare armi nelle riunioni pubbliche anche alle persone munite di licenza…..

Cosa sono le riunioni pubbliche?

Per questa definizione torna utile un documento relativo alla disciplina giuridica dell’ordine pubblico relativo alle riunioni. E’ consultabile sul sito della Polizia di Stato oppure puoi scaricarlo qui.

…………deve intendersi un raggruppamento non stabile, ma neanche estemporaneo, di almeno due persone che convergono in un determinato luogo, previo accordo o su invito dei promotori, al fine di soddisfare un interesse individuale o collettivo di varia natura (politico, economico, occupazionale, sportivo, religioso, ecc.) o di rappresentare alla collettività un disagio o un bisogno meritevole di attenzione, spesso esercitando contemporaneamente un altro diritto costituzionalmente garantito che è quello della manifestazione del pensiero.

Autorizza il porto o solo il trasporto?

Le licenze di porto d’armi per difesa personale si differenziano da quelle per attività sportiva e venatoria proprio per la possibilità, da parte del titolare, di portare le armi nel numero massimo di 3 (tre) contemporaneamente in maniera tale che siano prontamente utilizzabili (fatte salve le casistiche di cui all’art.4 della 110/75!).

Per altri dettagli ti invito a leggere anche la sezione dedicata alla difesa personale presente su questo sito.

è importante per me ricevere un tuo feedback
error